• Italiano
  • English
  • Español

NUOVI PROGETTI

Foto da archivio Comunità Papa Giovanni XXIII

“Don Oreste Benzi, il prete con la tonaca lisa” (titolo provvisorio): la storia del sacerdote riminese, una storia vissuta accanto ai più poveri, un impegno costante e infaticabile contro le ingiustizie, per la difesa dei diritti umani.

Il film è in sviluppo e ha ottenuto il contributo della Film Commission Emilia – Romagna 2021.

Una produzione Coffee Time Film S.r.l. Regia di Kristian Gianfreda

Foto di Kristian Gianfreda

“Piove col sole” (titolo provvisorio): Agnese ci accompagna con leggerezza dentro temi complessi come l’adolescenza, la disabilità, l’impoverimento, l’emarginazione, la libertà e l’importanza dell’amicizia. 

Il film è in fase di scrittura. 

Foto di Daniele Calisesi

La felicità si può trovare nei luoghi nascosti e solitari dove la gente non si preoccupa di guardare … basta lasciarsi guidare. “Mangiafuoco” racconta una realtà sconosciuta, quella dei senza tetto, come se narrasse una fiaba, una storia fantastica, un pò sopra le righe, magica e romantica,  irriverente e divertente. 

Il film è in fase di scrittura

                                                                                                                     Foto Archivio Comunità Papa Giovanni XXIII

 

“Il pazzo di Dio” è la storia di un santo dei nostri giorni e dei “pazzi” che l’hanno preso sul serio. Ci sono persone che attraversano la propria epoca cambiandola, donne e uomini rivoluzionari. E’ il caso di magistrati, capi di stato, artisti, scienziati. e poi c’è don Oreste. Un semplice prete di campagna, sguardo bonario dietro occhiali vintage, tonaca lisa, accento romagnolo, all’apparenza un uomo ordinario, una sorta di Forrest Gump, buono al massimo per dire e celebrare i sacramenti e invece… fu un rivoluzionario che dalla profonda provincia romagnola ha fatto cambiare idea all’Italia su temi quali la disabilità e la prostituzione, ha cambiato soprattutto la vita a migliaia e migliaia di persone: senzatetto, tossicodipendenti, malati di AIDS, zingari, popolazioni poverissime del terzo mondo, disabili e prostitute.

Il documentario è in fase di montaggio. Uscita prevista Settembre 2024.